Una delle più grandi pallavoliste di sempre festeggia un traguardo ammirevole: Francesca Piccinini gioca la partita numero 800 in carriera, diventando una delle più longeve (oltreché vincenti) giocatrici della storia azzurra.

Trentotto anni e ventisei stagioni alle spalle nei palazzetti di tutto il mondo: sono spaventosi i numero della schiacciatrice di Massa, che come una ragazzina alle prime armi continua a giocare con un entusiasmo e una grinta fuori dal comune. In occasione delle finali della Supercoppa Italiana 2017 contro Conegliano, la Picci ha battuto il record degli 800 incontri ufficiali in quasi tre decenni di attività.

Tante le casacche indossate nel corso della sua lunga carriera: dopo le esperienze a casa con Massa e Carrarese, il trasferimento a Reggio Emilia nel 1995, a cui fanno seguito le apparizioni a Modena e Spezzano. Nel 1998 vola in Brasile per militare nel Paranà, diventando la prima italiana a giocare all’estero. Ma ritorna nella madrepatria un anno dopo per cominciare la sua più grande esperienza, quella a Bergamo con la Foppapedretti: vi rimane dal 1999 al 2012 (anno in cui viene acquistata da Chieri) vincendo, tra l’altro, cinque scudetti e cinque Champions League. Poi due anni a Modena, seguiti da Casalmaggiore (con cui vince la Champions League 2016) e infine con Novara, con cui continua a togliersi importanti soddisfazioni.

Numerose le vittorie in nazionale, in cui milita per oltre dieci anni fino al 2014, quando decide di lasciare la maglia azzurra. Nel 2002 si laurea campionessa del mondo (prima volta per l’Italia), cinque anni più tardi vince la Coppa del Mondo in Giappone e ancora due anni dopo arriva la medaglia d’oro al Campionato Europeo in Polonia.

Fenomeno in campo, Francesca Piccinini è apprezzata anche fuori dal terreno di gioco per le sue qualità estetiche, che la rendono un’icona per il pubblico maschile. Di seguito un video tributo in cui rivediamo alcune delle più belle giocate della giocatrice italiana nel corso della sua carriera.

Loading...