duplantis
Armand Duplantis @Getty Images
Advertisement

Una straordinaria pagina di atletica leggera viene scritta in una serata qualunque a Torun, in Polonia: il giovane svedese Armand Duplantis firma un eccezionale record del mondo nel salto con l’asta, oltrepassando la misura di 6.17 metri.

C’era una volta Serghey Bubka. Il grande saltatore ucraino, capace di arrivare fino ai 6.14 metri al Sestriere nel 1994, è ormai superato. Giànel 2016 il francese Renaud Lavillenie aveva saputo fare meglio dell’atleta sovietico alzando l’asticella di due centimetri in più, ma il meglio doveova ancora venire.

E il merito è di Armand Duplantis, ventenne americano figlio di un altro astista, che ha optato per la cittadinanza svedese della madre dal 2015. Ebbene, già oro ai Mondiali under 18 e under 20, nella prima occasione tra i pro’, il Mondiale dello scorso anno di Doha, ha ottenuto l’argento, salendo però sul gradino più alto del podio nella manifestazione continentale con la misura di 6.05.

E poi arriva una tappa del calendario World Indoor Tour. In Polonia è la notte dei record, il 7 febbraio 2020, la notte in cui Duplantis non sbaglia nulla e arriva a saltare fino ai 6.17 metri, scrivendo una nuova pagina di storia di questo magnifico sport.

All’aperto il primato di Bubka per ora resta valido, ma la misura raggiunta dal ragazzino scandinavo è la più alta di tutti i tempi. E c’è l’impressione che alle prossime Olimpiadi di Tokyo 2020 ne vedremo delle belle, dal momento che l’atleta sembra avere, nonostante la giovanissima età, ancora bei margini di miglioramento.

“E pensare che volevo smettere con l’atletica per giocare a baseball”, commenta il diretto interessato dopo l’impresa.