Advertisement

E’ una giornata storica questa per il basket in carrozzina italiano: per la prima volta in un torneo ufficiale infatti, la Nazionale Italiana di basket in carrozzina riesce a battere gli Stati Uniti (54 a 41 il punteggio finale), nella prima giornata della seconda fase del Mondiale di Incheon (Corea del Sud). Un successo meritatissimo, con gli azzurri davanti per tutta la partita, capaci di far cadere per la prima volta in questo torneo una delle grandi favorite e tra le Nazionali più vincenti di sempre (9 finali e 6 vittorie mondiali nelle ultime 10 edizioni).

Ora i quarti di finale sono davvero ad un passo. Gli azzurri hanno vinto superando gli americani in ogni comparto statistico: migliore percentuale al tiro (46% contro 29%), più rimbalzi (39 a 27) e il doppio degli assist (14 a 7), non dando mai la sensazione di andare in sofferenza, ma anzi incrementando progressivamente il vantaggio fino alla doppia cifra di inizio quarto-quarto.

Ottima la prestazione di Galliano Marchionni, tornato nel quintetto titolare dopo la partita di ieri e per la prima volta in doppia cifra nel Mondiale di basket in carrozzina (14 punti, 8 rimbalzi e 4 assist per lui); ma di altissimo livello è stata la partita di tutti gli azzurri, compresi i due subentrati dalla panchina Fabio Bernardis e Stefano Rossetti, determinanti soprattutto nel secondo tempo.
Ora per l’Italia si apre uno scenario totalmente diverso rispetto a quello di soli due giorni fa: basterà infatti vincere anche solo una delle prossime due partite per avere la matematica certezza di entrare tra le prime 8 squadre del mondo.