fognini cecchinato molinari
Advertisement

Una domenica come quella appena conclusa se la ricorderanno a lungo, gli appassionati sportivi italiani. I nostri portacolori in giro per il mondo portano in alto il vessillo tricolore regalandoci momenti assolutamente indimenticabili: quante gioie da tennis, golf e scherma!

Tennis. Arriva una doppietta azzurra nel circuito ATP. Fabio Fognini si impone allo Swedish Open battendo in finale l’ostico francese Richard Gasquet. È il settimo titolo in carriera per il ligure, che con questo traguardo si piazza alla posizione #14 del ranking, ad una sola lunghezza dal suo best ranking. In serata, al Croatian Open di Umago, ecco il bis con Marco Cecchinato, che sconfigge l’argentino Guido Pella e conquista il secondo titolo stagionale (nonché in carriera). Dopo la favolosa finale al Roland Garros di Parigi, continua il momento d’oro per il tennista palermitano, ora #22 delle classifiche (personal best).

Golf. Mai un italiano era riuscito ad aggiudicarsi un torneo del Grande Slam: ci era andato vicino Costantino Rocca nel 1995, ma mai nessuno aveva realizzato l’impresa. Il tabù è rotto grazie a Francesco Molinari, che trionfa nel più antico e più prestigioso appuntamento dell’anno, gli Open Championships in Scozia. A finire al tappeto, per usare un’espressione pugilistica, è nientemeno che Tiger Woods, il campionissimo di sempre, ritornato ad alti livelli: alti, ma non tali da battere il nostro atleta, che trova quel successo che vale la definitiva consacrazione.

Scherma. Si tratta di una disciplina che spesso ha regalato tante gioie all’Italia, ma vincere non è mai abbastanza. Ai Campionati Mondiali di Wuxi, in Cina, arriva la medaglia d’oro nella spada femminile firmata da Mara Navarria, che si rende protagonista di una cavalcata perfetta che la porta, all’ultimo atto, ad avere la meglio della forte romena Ana Maria Popescu. Dedicato al figlioletto, nonché al maestro scomparso da poco, il titolo iridato è il quarto nella specialità della scherma dopo l’oro di Laura Chiesa nel 1994 e la doppietta di Rossella Fiamingo nel 2014 e nel 2015.