Nel corso degli ultimi anni, Gregorio Paltrinieri si è imposto come uno dei nomi di maggior rilievo del nuoto italiano, grazie soprattutto alla continuità di risultati dimostrata in diverse occasioni. A livello nazionale il suo dominio è stato quasi imbarazzante, come dimostrato dai ben 13 ori individuali ottenuti a partire dal 2011. Il 21enne nativo di Carpi è stato però capace di dominare le competizioni anche in ambito internazionale, riuscendo a conquistare due ori mondiali (1 in vasca corta) e 5 europei (2 in vasca corta) facendo incetta di record: sino ad ora il suo unico rimpianto può essere rappresentato dalle Olimpiadi di Londra, dove lo specialista dei 1.500 m stile libero non è andato oltre il quinto posto, complice anche un lieve infortunio patito nel corso delle semifinali. Ripercorriamo dunque insieme i cinque successi più importanti della sua carriera, ancora breve ma decisamente ricca di soddisfazioni.

5) Campionati Europei di Debrecen – 2012

Paltrinieri si impone per la prima volta a livello internazionale in occasione degli Europei di Debrecen, in Ungheria, dove il 25 maggio 2012 domina in maniera assoluta i 1.500 m stile libero, specialità che da allora in avanti diverrà il suo cavallo di battaglia. Il carpigiano chiude la gara in 14’48”94, riuscendo ad abbattere per la prima volta in carriera il muro dei 15 minuti e distanziando i suoi diretti inseguitori, gli ungheresi Gergo Kis e Gergely Gyurta, rispettivamente di 10 e 16 secondi: un trionfo che gli permette inoltre la partecipazione ai Giochi Olimpici di Londra 2012.

4) Campionati Mondiali di Kazan – 2015

Reduce dal bronzo iridato conquistato nel 2013 a Barcellona, Paltrinieri arriva all’appuntamento di due anni dopo con serissime ambizioni di vittoria, sull’onda del trionfo conseguito nel dicembre 2014 a Doha ai Mondiali in vasca corta. Giunto in finale con il primo tempo di qualificazione in assoluto, nell’ultimo atto il 21enne beffa in volata lo statunitense Connor Jaeger, facendo registrare un ottimo tempo di 14’39”67 e ritoccando in tal modo il proprio primato.

3) Campionati Mondiali in vasca corta di Doha – 2014

In Qatar il carpigiano conquista la sua prima medaglia d’oro in vasca corta con un eccezionale 14’16″10, nuovo record europeo, scalzando da tale posizione il russo Jurij Prilukov per una questione di appena 3 centesimi di secondo. Paltrinieri ha la meglio sul tunisino Oussama Mellouli e sul canadese Ryan Cochrane, prevalendo sul nordafricano per meno di 2 secondi: egli diventa così il terzo nuotatore italiano a trionfare nelle vasche da 25 metri – i precedenti si devono a Fabio Scozzoli e Ilaria Bianchi – rendendosi altresì autore della seconda prestazione all-time per quanto riguarda i 1.500 m stile libero.

2) Campionati Europei di Berlino – 2014

In occasione della kermesse europea Paltrinieri è protagonista assoluto sia negli 800 che nei 1.500 m stile libero: su quest’ultima distanza fa nuovamente registrare il primato europeo con 14’39″93, superando ancora una volta il russo Prilukov grazie ad una gara dominata dall’inizio alla fine. Per la prima volta in carriera riesce poi a trionfare negli 800 metri fuori dai confini nazionali, vincendo davanti a Pal Joensen (Far Oer) e all’altro italiano Gabriele Detti, il quale aveva conquistato la medaglia di bronzo anche nei 1.500 metri. A distanza di 8 anni dai Mondiali di calcio del 2006, il cielo di Berlino si tinge nuovamente di azzurro.

1) Mondiali in vasca corta di Netanya – 2015

Terminiamo questa rassegna di vittorie con l’eccezionale risultato conseguito dal nuotatore italiano il 4 dicembre, in occasione degli Europei tenutisi nella località israeliana. Grazie ad uno straordinario 14’08″06 Paltrinieri ha demolito il precedente record mondiale dei 1.500 m stile libero in vasca corta, detenuto dall’australiano Grant Hackett sin dall’agosto del 2001. Il primato stabilito assume una valenza ancora maggiore se si considera che esso era passato indenne attraverso l’era dei controversi costumi in poliuretano, poi messi al bando nel 2010.

Loading...