Photo credits: repubblica.it
Advertisement

Milano non fallisce anche il secondo appuntamento della Serie di Semifinale contro Venezia e porta a casa una vittoria che ridà ossigeno dopo il passo falso di Gara-1. I biancorossi disputano un primo tempo da favola, trovando una difesa asfissiante su ogni possesso dei lagunari e non soffrendo nemmeno i problemi di falli di un Rakim Sanders particolarmente nervoso. All’ex-Sassari vengono fischiati consecutivamente un fallo di gioco e un antisportivo che lo tolgono praticamente dal match, ma il collettivo milanese non ne risente e trova in Simon il leader offensivo capace di condurre i compagni sul 47-25 a metà partita. Peccato, però, che il terzo quarto sia il fattore negativo di questa Serie, finora, per l’Olimpia, poiché anche in Gara-2 Venezia riesce a rientrare grazie alle giocate di un sontuoso Stefano Tonut – 10 punti nel 3° periodo per la guardia italiana – e a riaprire un match che sembrava praticamente chiuso. A scacciare i fantasmi di uno 0-2 che avrebbe dell’incredibile, ci pensano allora Cerella e Lafayette, con l’oriundo vero leader emotivo di questa squadra e dell’ambiente milanese.

Venezia, dal canto suo, disputa un primo tempo inguardabile, in cui solo Bramos riuscirebbe a strappare una sufficienza se stessimo proponendovi delle pagelle. L’8/27 dal campo con cui i lagunari chiudono la prima metà di partita – compreso un 4/17 da tre punti – è sintomatico di una difficoltà offensiva spaventosa, complice anche l’intensità difensiva dei padroni di casa. Nel terzo quarto, però, gli ospiti sembrano poter rientrare definitivamente in partita grazie a un parziale di 17-28, ma i problemi di falli di Ortner e qualche forzatura di troppo permettono a McLean e Batista di fare la voce grossa a rimbalzo e in fase offensiva, vanificando così ogni velleità di rimonta.

Per Milano è una vittoria fondamentale, sebbene sia maturata con non pochi patemi e lasci comunque la consapevolezza che c’è ancora molto da migliorare, specialmente in cabina di regia dove Kalnietis non riesce ad essere dominante come potrebbe. Lunedì 23 maggio, ore 20:45, è in programma Gara-3 a Venezia e i vincitori della Stagione Regolare dovranno stare attenti a non patire cali di tensione come successo nei primi due atti della Serie. La Reyer, invece, dovrà cercare di abusare meno del tiro da tre punti – 37 triple tentate in Gara-2, ma solo 10 convertite – e sperare che Pargo decida finalmente di mettere in mostra tutto il suo talento offensivo.

Articolo di Marco Arcari.