Advertisement

Ottimo esordio per l’Italia di Marco Bonitta nel torneo preolimpico in corso in questo momento in Giappone. Le azzurre non perdono punti per strada e mettono in cassaforte punteggio pieno nelle prime due gare, rispettivamente contro Corea del Sud e Thailandia. Qualche sbavatura, ma egregiamente rimediata da una squadra coesa e con tanta voglia di vincere, composta da un mix di giovanissime e giocatrici di esperienza, che si rivela pronta ad affrontare al meglio questa competizione e andarsi a prendere la qualificazione ai giochi olimpici, che dal 2000 non è mai mancata al volley femminile italiano.

3-1 alla Corea, alla quale non bastano gli attacchi potenti della temuta stella Kim Yeong-Koung per portarsi a casa il match e che riesce a strappare a Del Core e compagne solo il terzo set ai vantaggi, per via di un calo di concentrazione sommato a qualche errore di troppo nel finale in campo azzurro.
Bonitta alterna tutte le sue risorse in questa prima partita del preolimpico, partendo dall’esperienza di Del Core, Piccinini e Ortolani, passando per la solidità in ricezione di Alessia Gennari e dalla potenza di Nadia Centoni, per poi giungere all’incoscienza di Paola Egonu (entrata nel ruolo di opposto, dopo Ortolani e Centoni) e Miriam Sylla. Caratteristiche diverse, messe al servizio di una squadra dalle mille sfaccettature, che si sono rivelate tutte utili al conseguimento dell’obiettivo vittoria.

volley

Partenza difficile e non proprio positiva nel secondo match contro la Thailandia, squadra che si rivela ostica, grazie a un gioco veloce, per niente scontato e gestito bene dall’esperta palleggiatrice Nootsara Tomkom, che le italiane soffrono e non riescono in alcun modo a contrastare. Dopo il primo set vinto di misura dalle thailandesi (17-25), le ragazze di Bonitta, con Egonu e Sylla inserite già nel finale di primo set per Ortolani e Piccinini, si rimettono in carreggiata, aiutate anche dall’ingresso positivo di Anna Danesi, centrale classe 1996, dal Club Italia, che chiude con il 100% in attacco e quattro muri punto, e dall’apporto costante della veterana Antonella Del Core.
Dopo l’inizio traballante, poche sbavature per un’Italia che trova il giusto equilibrio e si presenta con sei punti davanti alla Repubblica Dominicana, sfida impegnativa, nonostante la squadra caraibica abbia inaspettatamente subito ben due sconfitte, con la Thailandia e con il Perù. Appuntamento per martedì alle 5:45 (ora italiana) in diretta su RaiSport.

Articolo di Giada Ceraldi