• Sono stati attimi di paura quelli vissuti dal centrocampista bianconero Arturo Vidal in Cile, dove sono in corso le gare valide per l’edizione 2015 della Copa America. Da quanto è possibile apprendere dalla stampa cilena e non solo, il centrocampista, fino a ieri uno dei calciatori più decisivi del torneo, la scorsa notte ha provocato un bruttissimo incidente mentre era alla guida della sua Ferrari accompagnato dalla moglie. Dopo l’incidente, per fortuna senza feriti, il giocatore è stato sottoposto a test che hanno evidenziato un livello di alcol presente nel sangue superiore alla norma, provocando la sua carcerazione.

    Si tratta dell’ennesima bravata della stella cilena, in un inventario che metterebbe in imbarazzo anche i bad boy più scapestrati.

    #1 La bravata più fresca in ordine cronologico è stata senza dubbio la nottata trascorsa da Vidal pochi giorni prima della sfida scudetto dello scorso ottobre tra Juventus e Roma, quando il giocatore fu immortalato mentre con una collana di fiori al collo ed in evidente stato di ubriachezza affrontava le ire di un ragazzo indispettito dalle avance che il giocatore aveva rivolto nei confronti della sua ragazza. Quell’episodio condannò il cileno alla panchina in quella che poi si è rivelata la partita decisiva nell’andamento della stagione.

    #2 Come dimenticare l’esclusione decisa dal ct della nazionale cilena Claudio Borghi nel 2011, in seguito al ritorno in albergo di Vidal 45 minuti oltre l’orario massimo stabilito ed in evidente stato confusionale provocato dall’alcol. L’ira del commissario tecnico gli costò ben dieci turni di stop con la nazionale.

    #3 Ancora nel 2011 e durante il ritiro della nazionale, Vidal e l’interista Medel furono ripresi da una modella colombiana mentre chattavano al computer accompagnati da innumerevoli bottiglie di vino.

    #4 Nel 2007, ai tempi della nazionale minore (U20), Vidal ed alcuni suoi compagni di nazionale tra cui Medel e l’atalantino Carmona, furono arrestati dopo aver litigato con la security dello stadio negli attimi successivi al fischio finale della partita, che vide la loro nazionale uscire sconfitta per 0-3 contro l’Argentina.

    Loading...