con.com

Wimbledon, terzo Slam dell’anno nonché il torneo più antico e col maggior fascino, è ormai alle porte. Blogdisport prosegue nel ripercorrere le vittorie più importanti del passato remoto e recente. Dopo i trionfi di Borg, è ora la volta di quelli di McEnroe e Becker, tre a testa.

McEnroe

1981

Il primo successo dell’americano in terra inglese arriva battendo in finale in quattro set Borg, prendendosi così la rivincita dell’anno precedente. Durante il torneo John perde altri due set: nel secondo turno contro il messicano Ramirez e negli ottavi per mano del connazionale Smith. Pochi mesi dopo McEnroe trionfa anche a New York.

1983

Due anni dopo John conquista Wimbledon superando nell’ultimo match l’australiano Lewis in tre set dopo aver battuto il numero tre, il ceco Lendl. Solo un set lasciato per strada in tutto l’evento, nel secondo turno contro il rumeno Segarceanu.

1984

Il terzo e ultimo trionfo di McEnroe a Londra arriva dopo aver battuto in finale in soli tre set il numero tre del ranking, il connazionale Connors. Anche stavolta un solo parziale perso in tutto il torneo, subito nel primo turno contro l’australiano McNamee.

Becker

1985

Il primo acuto di Boris a Wimbledon coincide anche con la prima finale Slam, vinta in quattro set abbastanza equilibrati contro l’americano Curren, che riesce a strappare il secondo set al tie break. Un cammino accidentato e non poco quello del tedesco verso l’ultimo atto del torneo: al primo turno rimonta un set contro l’americano Pfister, al terzo turno e agli ottavi va addirittura al quinto contro lo svedese Nystrom e lo statunitense Mayotte (avanti 2-1) e lascia un set anche nei quarti e in semifinale rispettivamente contro il francese Leconte e un altro svedese Jarryd che aveva vinto il primo.

1986

L’anno seguente Becker concede subito il bis, superando Lendl, numero uno del ranking, in finale in solo tre set. Curiosamente i due ora si ritroveranno, uno come allenatore di Djokovic e l’altro è tornato da poche settimane ad allenare Murray. Stavolta Boris perde solo due parziali in tutto il torneo : in semifinale ancora contro Leconte e nel terzo turno contro McNamee.

1989

Dopo la sconfitta nel 1988, arriva il tris di Becker, sconfiggendo nell’ultimo match del torneo Edberg, numero due del ranking, in soli tre set e prendendosi così la rivincita. Soli due parziali persi in tutto il torneo, entrambi, però, in semifinale contro Lendl, ancora al vertice della classifica. Pochi mesi dopo vincerà anche gli USOpen.