Photo credits: fivb.com
Advertisement

Due vittorie su tre per le Azzurre nell’ultima tappa che le ha viste impegnate ad Ankara con Brasile, Turchia e Belgio. Non è una sorpresa la mancata qualificazione alla Final Six di Bangkok, ma le ragazze di Bonitta hanno fatto il possibile per farsi valere in queste ultime tre partite.
Partenza che sapeva di impresa quella di venerdì contro il Brasile, pilastro del volley mondiale e campione olimpico in carica, le Azzurre, portano a casa il primo set, ma, compreso il rischio, la squadra verde-oro torna a picchiare forte e non bastano i 26 punti di Paola Egonu a risollevare le sorti di una buona Italia che cede al quarto set.
Riscatto contro le padrone di casa della Turchia il giorno successivo. Vittoria in rimonta per le ragazze di Marco Bonitta, che non si lasciano intimidire dal pubblico ostile, e dopo un primo set non troppo brillante, tornano a macinare punti a muro (12 muri punto) e in attacco (Diouf su tutte).
Per chiudere in bellezza, Del Core e compagne mettono in campo una prestazione degna di nota nell’ultimo match di questa fase e di questo Grand Prix contro il Belgio. Ottima la prova corale delle nostre ragazze, che non lasciano spazio alla squadra belga, che non riesce in alcun modo a rendersi pericolosa.
Due vittorie che ridanno morale alla giovane nazionale di Marco Bonitta, pronta a riprendere il lavoro in palestra in attesa della partenza per Rio de Janeiro. Il tempo della scelta è ormai quasi giunto per il CT, il quale ha potuto verificare in questo ultimo torneo i punti di luce e di ombra di ogni singola giocatrice, mescolando più volte le carte in tavola. Il conto alla rovescia è ormai quasi al termine e chi sarà a prendere quell’aereo e a perseguire il sogno olimpico sta per essere rivelato.